Questo facciamo, questo siamo

lavoriamo per vivere, a volte per lavorare moriamo, cerchiamo di organizzarci, qualche volta siamo bravi e fortunati, qualche volta incontriamo gente che non vive per il sindacato, vive di sindacato. E, ho detto tutto

visite fiscali, chiacchiere e distintivi - cosimo arnone-

leggi di più 0 Commenti

Lavoro pubblico, lo scatto necessario - cosimo arnone -

leggi di più

I commissari in Alitalia e la sindrome di Pasquale - cosimo arnone -

leggi di più 0 Commenti

Truffatori con e senza cartellino - cosimo arnone -

Al quinto servizio televisivo sugli assenteisti dei week end e su quelli che scappano davanti ai carichi di lavoro, mi è venuto il vomito.
Il governo ha annunciato un’ennesima stretta sui furbetti del cartellino e su quelli che hanno uno scarso rendimento lavorativo, su queste cose si butta a pesce un po’ tutta la fauna

leggi di più 0 Commenti

Pubblici, il cambio di paradigma. - cosimo arnone -

Da qualunque parte si osservi, l’accordo raggiunto fra il governo e cgil, cisl e uil è un cambio di paradigma relativamente al lavoro pubblico. Pensiamo a come inizia il documento: “ i lavoratori sono il motore del buon funzionamento della pubblica amministrazione….”
Il rinnovo dei contratti è una conseguenza del primo brevissimo periodo.
Poi c’è il terzo comma chiamiamolo così, tanto per non farci mancare nulla, “… le parti convengono per segnare una  discontinuità col passato.”
Io cito a memoria non mi metto a fare l’esegeta di nessuno e neanche mi sembra necessario spiegare ciò che è chiaro: il mondo ha cambiato verso.
Si faranno i contratti non solo perché è giusto

leggi di più 3 Commenti

mobilitazione dei pubblici e terremoto, un errore. - cosimo arnone -

Sarò breve: sul contratto dei dipendenti pubblici il governo ha le idee chiare e si possono racchiudere in pochi caratteri: Fottetevi!
Si gira e si rigira, si fanno dichiarazioni e poi quando vai a stringere vedi che non c’è nessuna azione volta ad eliminare la legge cosiddetta Brunetta, vedi che non ci mettono neanche il necessario per non farti infuriare.

leggi di più 1 Commenti

La lettera dei settanta, una buona notizia - cosimo arnone -

I lavoratori della D.G. degli Ammortizzatori Sociali e I.O. , vista l’imminente scadenza del contratto dei
colleghi di Italia Lavoro S.P.A., prevista per il 31/12/2016, chiedono ai vertici dell’Amministrazione e della

leggi di più 0 Commenti

Pubblici, considerazioni sulla bozza di piattaforma. - cosimo arnone -

Ho ricevuto le bozze stilate dai sindacati dei lavoratori pubblici di Cgil. Cisl. Uil. Si tratta di due documenti uno denominato Relazione e l’altro denominato Bozza. Non ci sono differenze significative quindi li userò indifferentemente per
illustrare quello che penso

 

leggi di più 1 Commenti

Concorsone scuola: spara al precario - cosimo arnone -

Come reagirete, da genitori, se a Settembre all’apertura delle scuole i vostri ragazzi avranno in sorte come insegnanti i bocciati al concorsone della della scuola? Con l’esplicitazione di questo paradosso, Oscar Giannino apre una sua riflessione sulla sorte scolastico educativa dei nostri virgulti. Ci sta, il paradosso è evidente: un concorso ti ha definito inidoneo, non puoi insegnare: per definizione. Giannino non è uno che polemizza, a parte quando gli parte la ciavatta liberista, grossolanamente. Parte dai dati dei bocciati che sembrerebbero moltissimi, ci mette la critica a chi ha permesso il proliferare del precariato, accusa il sistema dell’abilitazione e naturalmente l’anzianità, invoca un meccanismo giuridicamente credibile per impedire ai palesemente non all’altezza, di continuare a fare un lavoro per il quale il concorsone ha emesso il verdetto. Ci sta, Oscar Giannino, ma i paradossi sono molti di più. 

 Da insegnante precario inserito nelle 

 

leggi di più 0 Commenti

Licenziamenti in 48 ore, siamo tutti contenti - di Centesimopasso -

 

Il Consiglio dei Ministri ha varato il famoso “licenziamento in 48 ore dei fannulloni”, vi sembrerà strano ma sono davvero contento.

 

Sono contento perché, forse, finalmente i nostri politici la smetteranno di farsi belli in TV.

 

A Giletti non arriveranno più telefonate da parte di ex ministri della Funzione Pubblica, e tutti saranno felici e contenti.

 

Il licenziamento in caso di “timbro e fuga” è sempre esistito, ma chissenefrega, l’importante è alimentare polemiche, nella speranza di “scippare” un po’ di voti ai lavoratori autonomi che sono “arrabbiati” per i fatti loro per tasse e balzelli che li affliggono, e invidiano quei pubblici impiegati fannulloni che “timbrano e fuggono”.

 

Però, quando servono, diventano importanti: Il Vigile del Fuoco (ma solo in caso di incendio); il Poliziotto o il carabiniere (ma solo in caso di furti, aggressioni e simili); l’impiegato comunale (ma solo quando si deve chiedere un qualche certificato); l’infermiere (ma solo quando si sta male); e via discorrendo.

 

Finalmente, con il “licenziamento in 48 ore”, la polemica dovrebbe acquietarsi, siamo tutti più

leggi di più 3 Commenti

Licenziamento dei pubblici, l'Arena delle vanità. - di Renato La Manna-

 

 

Domenica 17 gennaio la trasmissione di

 

Giletti

 

è stata incentrata sul proclama di Renzi:“P.A. –

 

Licenziamento in 48 ore”.

 

 

Tutti a dire che si, era ora che i fannulloni

 

andassero a casa, e via discorrendo.

 

 

 

Io, dopo il solito caffè, vorrei puntualizzare un

 

paio di cosette:

 

 

 

Il problema così come impostato è fuorviante.

 

Premesso che è giusto licenziare chi "timbra e fugge".

 

Il problema va impostato diversamente: Intanto, sia chiaro per tutti che chi "timbra e

 

leggi di più 1 Commenti

Contratto statali, la mobilitazione e una critica

Quello che ha fatto il governo a proposito del rinnovo dei contratti pubblici è grave. Stanziando risorse inadeguate al recupero del potere d'acquisto delle retribuzioni, ha deciso di farsi beffe della famosa sentenza della Corte Costituzionale e dei lavoratori che portano avanti i servizi. Hai voglia a concionare, le chiacchiere stanno a zero, la triplice Renzi, Padoan e Madia ha fatto una cosa che ricorda troppo da vicino il gioco delle tre carte, un

leggi di più 0 Commenti

Contratto Statali, la Madia non è disegnata

Dall'intervista di Marianna Madia al Messaggero del 24 ottobre 2015.

«È chiaro che se fossimo in un periodo di alta inflazione, qualche cosa per la perdita del potere d’acquisto la dovremmo restituire. Siccome siamo in un momento storico in cui l’inflazione è molto bassa, può avere un senso ragionare su criteri differenziati, come le fasce di reddito, le funzioni le categorie. Sarebbe anche coerente con la riforma della pubblica amministrazione che ha come filo conduttore quello di premiare chi fa bene il suo lavoro. La divisione aritmetica dei sindacati non è più attuale. Penso che anche

leggi di più 0 Commenti

Assenteismo a Sanremo: licenziateli o licenziatevi

Lo sai questo è il pubblico, le teste devono saltare.” Troviamo questa fase in un film americano, dovrebbe essere tradotta ora a Sanremo, la città dei fiori.

Alcune riflessioni vengono così senza neanche farci un ragionamento, vabbè diamo la presunzione di innocenza, sicuramente fra le decine di dipendenti comunali arrestati o indagati per truffa ai danni nostri e dei loro parenti, ci sarà qualcuno che non c'entra un benemerito ciufolo. Fatta la premessa garantista, c'è da essere infuriati.

Nel bel mezzo della polemica sui rinnovi contrattuali dei dipendenti pubblici, ci si mettono questi manigoldi che abbiamo visto in mutande e pagoda, a spingere la discussione sul lavoro pubblico nella stessa e solita questione dei fannulloni.

Quindi si impongono soluzioni draconiane: il sindaco di Sanremo e la sua giunta si devono dimettere, il

leggi di più 0 Commenti

Contratto statali, non è una mancia.

Finalmente dopo l'agognata sentenza della Consulta gli statali avranno il loro contratto. Ricorderete dopo anni di blocco, la Corte Costituzionale aveva rotto gli indugi e bacchettato il governo: il blocco dei contratti del settore pubblico è incostituzionale, urge metterci un pezza. Il governo Renzi ora l'ha fatto ha appostato in bilancio 300 milioni per i rinnovi contrattuali, chi sa fare i conti ha calcolato una cifra fra gli otto e i dieci euro mensili di aumento. Una cinquantina di centesimi al giorno, roba da drogarsi per l'abbondanza.


leggi di più 0 Commenti

Expo: Landini e Camusso una nuova polemica, ne avevamo bisogno.

Lunedì 5 ottobre Maurizio non ci sarà, invece il 6 si. Senti che notizia da fregarsi le mani, la CGIL convoca un direttivo di due giorni per discutere a questo punto non si sa pubblicamente di che, e invece già si sa che Susy e Maurizio stanno su due sistemi solari diversi. Lo scandalo è il luogo. Lo scandalo è il tour. Maurizio ha preso cappello, carta e penna e non gliele ha mandate a dire: convochi il massimo organo politico della tua organizzazione in una delle tane del nemico, al centro delle polemiche per il

leggi di più 0 Commenti

Lavoratori e Croce Rossa, una sentenza e niente scuse

Ventotto agosto duemilaquindici, una data che deve essere ricordata e celebrata, il Tar del Lazio ha emesso una sentenza in un procedimento chiamato giudizio di ottemperanza fra una ventina di lavoratori e la Croce Rossa Italiana. I lavoratori tutti precari pluriennali, avevano fatto causa al loro datore di lavoro, il giudice in primo grado

leggi di più 1 Commenti

Pubblici Dipendenti, verso il 23 giugno, la tesi dell'avvocatura e le domande di un lavoratore. - di Centesimopasso -


Di recente si leggono su molte testate nazionali degli allarmi lanciati dall’Avvocatura dello Stato riguardo al ricorso pendente dinanzi alla Corte Costituzionale.


In particolare, sindacati del pubblico impiego hanno depositato il ricorso sul blocco dei contratti nella pubblica amministrazione presso il Tribunale di Roma affinché la questione di legittimità sia sollevata di fronte alla Corte Costituzionale la cui udienza è fissata per il prossimo 23 giugno.


Il segretario generale Fp-Cgil, Rossana Dettori, ha affermato che "la discriminazione e l'umiliazione a cui il Governo Renzi sta continuando a sottoporre il lavoro pubblico lo connota come un cattivo padrone". Soprattutto, fa notare che "la Consulta in passato si è pronunciata dichiarando l'ammissibilità di misure simili solo in chiave

leggi di più 2 Commenti

Personale giudiziario. A che punto è la notte? - di Centesimopasso -

Negli ultimi tempi si è registrata nell’ambito del personale della Giustizia una voglia sempre più forte di partecipare attivamente al cambiamento…


Un cambiamento, che nasce da due esigenze in parte divergenti tra loro.

Gli Uffici giudiziari hanno in sé talmente tante competenze, che spesso ci si concentra su alcuni problemi sottovalutandone altri.


La gran parte delle energie è rivolta, anche su sollecitazione del magistrato, verso il 

   

leggi di più 0 Commenti

20 anni di lotte sindacali fra lacrime e sorrisi, la storia di Angelo e l'articolo 18 - di Centesimopasso -

Un articolo di un giornale siciliano mi ha fatto pensare molto in questi giorni.

E’ la storia di Angelo, un cinquantenne impiegato di un piccolo comune in provincia di Catania, licenziato ingiustamente ed a cui è stato riconosciuto un risarcimento 

   

leggi di più 0 Commenti

RSU dei pubblici elogio del candidato senza nome

Li conosciamo quelli e quelle che si sono presentati alle elezioni RSU che si sono svolte in questi giorni in tutt'Italia e in tutte le realtà del lavoro pubblico. E' gente come noi, la mattina si industria per trovare parcheggio, calcola il tempo esatto per 

   

leggi di più 0 Commenti

RSU dei pubblici da un piccolo tribunale del sud una grande riflessione - di Centesimopasso -

Basta! Ho deciso! Mai più caffè! (non ci credo nemmeno io, mi sono rimesso pure a fumare, ma che volete, ci lasciano parlare poco, e … poi …c’è anche Renzi).

Parliamo di 

   

leggi di più 0 Commenti

TFR: conviene si o no in busta paga? La scelta di Rocco. - di VDB- 

Ve lo ricordate Rocco?

È sempre quel mio carissimo e fraterno amico al quale non ho avuto il coraggio di dirgli il seguito sulle pensioni, ma che qualcuno si è premurato maliziosamente di raccontargli tutto e con 

   

leggi di più 0 Commenti

San Valentino e i dipendenti pubblici, caldi baci, languide carezze e tutto il resto.

A san valentino ci si deve avvinghiare selvaggiamente, ritrovarsi sudati ed esausti. Felici, ubriachi, allegri. Non che le festicciole degli innamorati mi abbiano ispirato molto nel corso degli anni, però se capita in quel giorno, unisci l'utile al dilettevole. Ti piace far quadrare le cose che ti succedono con l'oroscopo del giorno, ti metti a discettare di segni zodiacali e piante, di tisane e musica metallica, cercando in ogni modo il punto di contatto che ti legherà con quello o quella che ti piace. Questo il clima del 14 febbraio: ormoni a mille. A san valentino, Susy nostra incontra i candidati 

   

leggi di più 0 Commenti

I lavoratori delle Province, quelli della Croce Rossa e, Madia dixit, quelli della Repubblica

Poco dopo il suo insediamento la ministra per la pubblica amministrazione conio' una definizione per i lavoratori pubblici del futuro prossimo venturo. Lavoratori della Repubblica. Poi dici che mancano le idee. Lavoratori della Repubblica contrapposti a cosa? La monarchia è finita molti decenni fa, nel disonore, si può quindi dire che non è una rivendicazione antimonarchica giusta ma in ritardo. Cosa allora voleva dire il vivace intelletto della ministra Madia?
Giudichiamo i fatti, testardi come muli testardi, ci dicono imperterriti la verità: niente. La Madia non voleva dire niente, ha scovato una definizione suggestiva, non ha capito cosa volesse dire ma l'ha ripetuta. La Madia è il riflesso nello specchio governativo, tutto chiacchiere e menefreghismo. Metti la Madia in qualche posto e sei sicuro che non succederà niente. I 

   

leggi di più 0 Commenti

Il precario e l'ufficiale giudiziario, storie dal pubblico, signori del governo, sperate che gli altri non si incazzino

Sul lavoro pubblico se ne son dette tante e se ne dicono tante, oggi abbiamo l'onore delle pagine dei giornali per due casi che ci parlano della realtà concreta. La prima questione potremmo definirla dell'ordinaria pagliuzza d'oro: un lavoratore socialmente utile, mai nome fu più appropriato, costruisce un programma informatico col quale manda giustamente in soffitta i registri di una certa sezione della Corte d'appello di Milano. Licenziato dalla sua azienda, un ingegnere si è ritrovato a lavorare nel celebre ufficio giudiziario e fra il lusco e il brusco, ha messo mano ad un processo di modernizzazione che levati. Come è possibile, una cosa del genere? Il 

   

leggi di più 0 Commenti

RSU dei dipendenti pubblici, le speranze e la lotta di un candidato - di Centesimopasso -

Stavolta il caffè l’ho bevuto prima di accendere PC e televisione, non mi piace berlo freddo e di questi tempi non si sa mai che notizia ti aspetta al varco…meglio berlo prima!

Immagino che le notizie siano tutte dedicate al nuovo Presidente della Repubblica, il Prof. Sergio Mattarella, il mio vecchio Professore di Diritto Parlamentare, severissimo ma in buona fede, onesto fino all’esasperazione, uomo che non faceva distinzioni basate sulla provenienza politica dei suoi studenti, come del resto Orlando, mio Professore di Diritto Regionale.

Un fratello (Presidente della Regione Sicilia) ucciso dalla mafia, cui aveva deciso di non sottostare, un padre che fondò la prima antimafia, mafia che tentò di screditarlo insinuando il dubbio nella gente, ma la gente che li conosce bene non ha avuto mai dubbi, ne sono sicuro.


   

leggi di più 4 Commenti

Legge di stabilità e nuovo calcolo delle pensioni. Il caso di Rocco - di VDB -

Rocco è un mio vecchio amico, di quei pochi che si possono definire tali; una persona della quale ti puoi 

   

leggi di più 0 Commenti

Pensioni, in troppi ci marciano. La disonestà intellettuale degli esperti. - di VDB -

Ieri, fra altri, leggevo il Sole24Ore e l’inserto sulle pensioni. Sono rimasto sbalordito dalla soavità con la quale hanno trattato la materia negando, di fatto, la grande fregatura introdotta con le nuove norme.

Sulle pensioni e sulle novità per  

   

leggi di più 1 Commenti

Pensioni d'oro, di platino e quello che non si vede. Ancora? - di Grugno -

Prima ci siamo fatti prendere dalle pensioni d’oro, adesso rischiamo di farci prendere dal furore ideologico contro le cosiddette pensioni di platino. Stando alla stampa


leggi di più 0 Commenti

Un metronomo in CGIL, sciopero e dintorni. - di Grugno -

Dalle manifestazioni allo sciopero, il passo non è lungo ed è quanto di più scontato potesse  verificarsi. Dopo aver mostrato i muscoli si va obbligatoriamente allo "scontro fisico".

Tanti, solo CGIL, in Piazza San Giovanni e tanti, insieme a CISL e UIL, in Piazza del Popolo; però allo sciopero si va da soli come CGIL.


leggi di più 1 Commenti

Pubblico? Fottiti.

Dipendente pubblico? Fottiti.

Hai vinto un concorso che era un terno a lotto? Fottiti.

Hai fatto un concorso per essere precario in una struttura pubblica? Fottiti.

Siete in tre dove dovreste essere in cinque e pretendono il lavoro di sei? Fottiti.

Sei un dipendente pubblico, un privilegiato, un parassita, un ruba stipendi, direbbe Gianmaria Testa sei ruota finita in un fosso.


leggi di più 5 Commenti

Piazza CGIL: Renzi ce senti da 'sta recchia?

Ce senti da 'sta recchia, verrebbe da dire alla romana, dalla manifestazione della CGIL il messaggio è arrivato forte e chiaro, sia al presidente del consiglio sia ai coriferi per convinzione e circostanza. Certo anche la Leopolda sarà un gran successo, il nostro paese è pieno di gente predisposta a correre in soccorso al vincitore di turno. E' una condizione del gioco, basta saperlo.

Ce senti da sta recchia, viene forte il segnale da tutti quei pulman che sono partiti nella notte per arrivare puntuali, dalle persone che definiscono col loro lavoro e la loro condizione materiale, il quadrato rosso del sindacato di corso Italia.

Tanta gente, a prescindere dal balletto dei numeri che ogni volta si svolge fra la questura e gli osservatori interessati di ogni parte, la rappresentazione di una parte del paese che non si è arricchita quando le cose andavano bene. Oggi erosi i


leggi di più 0 Commenti

25 ottobre a Roma: diritti in piedi

Avvertenza: discorso immaginario di un delegato a piazza San Giovanni, è emozionato, c'è tanta gente.

 

Siamo qui, in questa piazza, c'è un perché. Siamo donne e uomini, lavoratori pubblici e privati, disoccupati, precari, pensionati. Siamo qui e c'è una ragione: ci riconosciamo, ci


leggi di più 0 Commenti

Manifestazione del 25 ottobre a Roma importante per sette ragioni

Si comincia a sentire in giro come un odore ancora lontano ma percepibile, che ci sarà una manifestazione a Roma della CGIL. Mi sembra una buona notizia, il 25 ottobre partiranno due cortei e si


leggi di più 1 Commenti

Maddechè: Il Bonanni che ti aspetti, c'è.

Si sa, sono questi tempi oscuri, le ideologie sono scomparse. Infatti la CGIL non se ne è accorta e difende l'articolo 18 dello statuto dei lavoratori, non per salvaguardare un diritto ma per riesumare l'ideologia dei diritti. Ancora credono quelli del quadrato rosso, all'epoca in cui si pensava che il progresso significasse stare meglio, non più poveri e insicuri. Ora c'è la questione della vertenza col governo, faticosamente sembrava essersi messo in moto un processo unitario fra i sindacati confederali, la crisi come motivo obbligato, le soluzioni indicate dal governo come aiuto. I sindacati un po' per amore e un po' forza si sono trovati nello stesso calderone: difensori dei privilegiati che guadagnano milletrecento euro al mese, responsabili del precariato in cui versano i figli dei privilegiati di cui sopra. Nel racconto di Renzi i lavoratori a milletrecento euro, questi carnefici assassini dei loro figli precari, questi


leggi di più 1 Commenti

Maddechè: la Costituzione e l'art. 18, numero maledetto.

Allora il dado è tratto, finalmente il feticcio, il numero che tutto racchiude, sarà cancellato dalla faccia della terra. Avremo il 17 bis non più il 18, non è cosa di poco conto, i lavoratori avranno i loro problemi si capisce, però vuoi mettere le conseguenze e le implicazione? La discussione infatti non può essere ridotta al solo numero che viene dopo il 17 e prima del diciannove, sarebbe troppo facile, i mercati internazionali, la commissione europea e lo stesso Sacconi non capirebbero. Ci vuole di più, eliminato il numero che non si può pronunciare si capirà che anche l'uno è un numero infame, prima perché compone il numero inpronunciabile poi perché da uno comincia la nostra Costituzione”...repubblica democratica fondata sul lavoro”. Come fai a togliere il numero dopo il diciasette se non togli anche il numero uno dalla costituzione italiana? La Costituzione è


leggi di più 1 Commenti

In Italia ci saranno dipendenti pubblici e dipendenti governativi?

Devi veramente aver passato una selezione per essere sveglia come la ministra Marianna Madia, secondo me al governo lo sanno e per questo la rispettano. Pochi giorni fa,forse lo ricorderete, la ministra con l'eleganza che solo chi ha fatto tanta gavetta possiede, aveva annunciato ai dipendenti pubblici che il blocco degli stipendi si sarebbe prorogato ancora per tutto il 2015. I sindacati dei pubblici hanno replicato, quelli del comparto sicurezza, difesa e soccorso hanno replicato mettendoci dentro anche il prezzo della loro vita. Renzi ha preso cappello è ha dato il meglio di se, come un coniglio mannaro si è avventato sul microfono gridando che non si chiedono aumenti quando ci sono i disoccupati. Discussioni a non finire, comunque tutti sinceri nello stabilire una differenza fra il comparto sicurezza e gli altri dipendenti pubblici, un poliziotto o un


leggi di più 1 Commenti

CGIL per il lavoro, FIOM per il lavoro, ancora divisi?

Susanna Camusso ha annunciato che il direttivo della CGIL del prossimo 17 settembre deciderà di una manifestazione nazionale da tenersi nella prima metà di ottobre in giorno non lavorativo. Tema dell'iniziativa, semplificando,  il lavoro.

 


leggi di più 0 Commenti

Maddechè: non chiedete il contratto ci sono i disoccupati, l'uscita di Renzi

“Devi mangiare tutto! Pensa ai bambini del Biafra!” Effettivamente ci pensavi, le immagini dei corpi seminudi, di quelle pance innaturalmente gonfie entravano nelle nostre case e ci dicevano del nostro privilegio: essere nati poveri in un mondo in cui c’erano quelli ancora più poveri. Istintivamente non eravamo convinti del paragone, mangiavamo o no a seconda del genio del momento, non sulla base di quello che tecnicamente si può definire un ricatto morale.  Mi è venuto in mente questo antico ricordo  quando ho sentito Renzi apostrofare più o meno nello stesso 


leggi di più 1 Commenti

Contratto dei pubblici il capolavoro Renzi e Madia

Il blocco del contratto per gli statali, cioè per tutti i lavoratori che in un modo o nell'altro operano per rendere effettivi i diritti di enunciati nella nostra Costituzione, non è un fulmine a ciel sereno. I pubblici devono essere sterminati, sono il terminale 


leggi di più 7 Commenti

Marino e la Brunetta: il contratto di lavoro per i dipendenti del comune di Roma non c'è più

Le cose umane non procedono in modo rettilineo uniforme, ad un certo punto si verificano delle condizioni che facendo maturare le contraddizioni le portano ad un livello superiore, disegnando un movimento a spirale. Nel campo delle


leggi di più 2 Commenti

Maddechè: Disoccupazione? Precariato? Fatene una giusta, state zitti.

Il fenomeno è gravissimo, questo si sente in ogni dove e dalle più svariate angolature. La generazione perduta la chiamano. I ragazzi e le ragazze che non trovano lavoro, i ragazzi e le ragazze che hanno smesso di cercarlo. Per il Papa è una questione di dignità,


leggi di più 1 Commenti

Se stiamo a questo punto la colpa è del sindacato o dei lavoratori?

Se uno si mette a riguardare le cose che son successe dall'inizio della crisi ad oggi con particolare riferimento agli avvenimenti nel mondo del lavoro, si troverebbe a sgranare un rosario con perline via via più pesanti e scure. A memoria non riesco proprio a farmi


leggi di più 3 Commenti

Maddechè: Riforma pubblica amministrazione il capolavoro di Renzi - Madia da lavoratori a soldatini

Ho visto in anteprima i testi della riforma della pubblica amministrazione, il decreto legge e il disegno di legge che modificheranno il modo di lavorare negli uffici che spesso impropriamente ma per capirci, definiamo statali. Una prima cosa salta agli occhi, il disegno di legge delega è composto da 16 pagine e 12 articoli, non posso dire che sia tutto sbagliato o tutto da rifare, ci sono i principi generali che dovranno essere seguiti nelle norme che seguiranno. Il decreto legge è composto da 35 pagine e 39 articoli, le cose urgenti evidentemente sono tante. Il disegno di legge contiene riferimenti ai sindacati, alle organizzazioni sindacali o qualunque altro sinonimo,


leggi di più 0 Commenti

Maddechè: I mondiali di calcio e il feticismo delle merci. Un supermercato

Certe canzoni ti restano dentro per le intime verità che contengono, così oggi ho visto il feticismo delle merci descritto da Marx nel primo libro de Il Capitale e mirabilmente cantato da Gianfranco Manfredi nei primi anni '70. La canzone, come non ricordarla: -dagli appennini alle bande-, il verso


leggi di più 1 Commenti

CGIL a congresso, Renzi, la rivoluzione. - di Nonpercaso -

 

La rivoluzione, si sa, viaggia veloce. Non è una raccomandata con ricevuta di ritorno, nemmeno una cartolina da paesaggio. Intendiamoci: nulla a che vedere con la durezza di un atto rivoluzionario, che consuma rotture epocali. La rivoluzione post moderna viaggia sulla rete, ne mutua la velocità e ne santifica democraticamente le procedure. Idee antiche si corroborano nei social, nel


leggi di più 1 Commenti

Congresso CGIL, una letterina in sette punti per i delegati

Cari congressisti della CGIL, il 6 maggio vi incontrerete a Rimini, i giornali saranno pieni di articoli sulla vostra riunione, già li immagino: Camusso frega Landini; accordo sulla rappresentanza: CGIL spaccata ma vince la signora in rosso; CGIL


leggi di più 2 Commenti

Croce Rossa la poesia, lo stallo alla messicana, le manifestazioni

Oggi un po' in tutta Italia si sono svolte manifestazioni dei lavoratori della Croce Rossa, il 4 aprile ce ne sarà una nazionale davanti al ministero della Salute. Bandiere sindacali, fischietti, cappellini, da quanto ci hanno raccontato c'era gente più determinata che disperata. Questo ci piace. Questi lavoratori si battono per non essere licenziati, per evitare di essere


leggi di più 1 Commenti

Croce Rossa una riforma contro i lavoratori

 

I lavoratori del Centro educazione motoria della Croce Rossa in via Ramazzini a Roma sono saliti un'altra volta sulle impalcature, hanno appeso le loro ragioni sui lenzuoli e raccontano di un rapporto di lavoro indirizzato, viene da ridere a dirlo, verso una maggiore precarietà e di un servizio che, inevitabilmente, scivolerà in direzione contraria a quello che servirebbe agli assistiti. Qualche volta li ho incontrati quelli del CEM, non parlerò di loro, non farò il caso pietoso, da quello che ho capito non sono tipi. Voglio parlare un po' della Croce Rossa, della riforma che oramai muove i suoi passi e di quello che ci ho capito io.

Il nuovo contratto di lavoro dei dipendenti


leggi di più 0 Commenti

Landini, sei sicuro?

C'è un guaio in corso a Corso Italia, l'ultimo direttivo della CGIL convocato per ratificare il regolamento attuativo degli accordi sulla rappresentanza fra CGIL, CISL, UIL e Confindustria, si è trasformato in uno psicodramma. Landini ha accusato la Camusso di aver fatto un nuovo accordo e non un regolamento attuativo, violando lo statuto dell'organizzazione, prerogative sindacali, di autonomia delle categorie e la sentenza della Corte Costituzionale sul caso 

   

leggi di più 0 Commenti

Precari e cultura: il dono dei 500 - di Nonpercaso-

Cavolo, ci voleva un concorso pubblico per 500 sfigati stagisti, con tanto di quiz multiplo per accedervi, per produrre una scossa salutare, causare una indignazione collettiva, generazionale.

La storia é semplice, emblematica: il governo, per bocca di Letta stesso, annuncia in pompa magna a scorsa estate che assume 500 giovani


leggi di più 0 Commenti

Sciopero generale: se quattro ore sembran poche

 

I sindacati hanno proclamato lo sciopero generale di quattro ore. Le modalità di svolgimento sono state scelte in ogni singola regione, può capitare in un gruppo di regioni che ad esempio i pubblici scioperino le prime quattro ore, in altre parti invece lo faranno per le ultime quattro. La scuola invece si trova in una forbice o sciopera per l'intera giornata oppure per una sola ora.


leggi di più 2 Commenti

USB e fondo Sirio: quello che non deve fare un sindacato

Un mio amico che lavora nel pubblico mi ha inoltrato questa mail. La riproduco integralmente a parte la firma che è quella di un dirigente sindacale dell'USB – Unione Sindacale di Base -.

 


leggi di più 1 Commenti

delitti agostani la generazione TQ - di Nonpercaso -

Il lavoro é tornato al centro dell'interesse.

Quasi quasi mi hanno convinto. Ho passato il mio periodo di vacanza persino preoccupato di essermi perso qualcosa. Annunci a raffica, il governo impegnato, i beni culturali, i precari, i fondi europei.

Cazz. Ed io convinto che agosto fosse il mese dei misfatti, dei delitti che riempiono i vuoti di cronaca, e di quelli inconfessabili, che profittano delle assenze.

Invece guarda che ti rovesciano lo schema, lanciano un grande piano del lavoro, i media rilanciano, tu stai al mare, nessuno legge un cazzo e intanto il messaggio


leggi di più 0 Commenti

Precari pubblici, il caso Croce Rossa

Se un imprenditore privato o una pubblica amministrazione per soddisfare una esigenza produttiva temporanea ricorrono al contratto a tempo determinato, non ci trovo nulla di negativo. Finisce l'esigenza finisce il contratto. Il lavoratore, la lavoratrice lo sanno prima, si organizzano, aderiscono al contratto temporaneo in attesa di meglio, fanno esperienza, guadagnano qualche soldo, se giovani ci si spesano, se stanno in famiglia ci si spesano alla grande. Nel nostro paese invece c'è la patologia, i


leggi di più 0 Commenti

Le botte di Terni, la piazza di ieri, quella di domani

Capita che ci sia tensione in piazza, lo capisci subito quando ti schieri, srotoli gli striscioni, poche parole. In ballo c'è il posto di lavoro, non sarà il corteo a ridartelo se lo hai perso, non sarà il corteo ad impedire che te lo tolgano. Se il corteo non riesce però sarà più difficile riaverlo, sarà più difficile


leggi di più 0 Commenti

Delle donne? Per le donne? Le assemblee, gli uomini. - di Metis -

Cosa penso di un’assemblea sindacale che parla di temi al femminile? Che si rivolge a una platea al femminile? Definirla un’assemblea per donne fa orrore. Assemblea delle donne? Che sciocchezza. Non esistono temi al maschile o al femminile, esistono temi e problemi seri su cui confrontarsi e basta. Eppure la sala era piena di donne. C’ero anch’io. I pochi uomini erano per lo più rappresentanti istituzionali, saranno stati al massimo sei o sette.

Le relatrici di apparato erano imperiose e competenti, battagliere ma terribilmente virili

 


leggi di più 1 Commenti

Contratto per gli statali. Una proposta, per gioco

Gli statali come volgarmente vengono chiamati i dipendenti pubblici vogliono il rinnovo del contratto. Sono bloccati da quattro anni per effetto di una norma del governo Berlusconi, da allora il potere d'acquisto delle loro retribuzioni secondo alcune stime è diminuito più o meno di 200 euro al mese. 


leggi di più 7 Commenti

Lo sguardo della parrucchiera. Sindacalista? - di Metis -

Capita, ogni tanto, di fare un salto dalla parrucchiera a farsi risistemare i capelli. Un taglio veloce senza grande intrattenimento, perché mi ritrovo quella faccia da brava ragazza poco incline al gossip, pertanto il chiacchiericcio scorre lungo solidi binari di rassicurante educazione.

L’ultima volta, però, abbiamo parlato di lavoro e ho detto che faccio attività sindacale. Non l’avessi mai fatto…In un istante ho realizzato, dal suo sguardo, di avere commesso


leggi di più 6 Commenti

Le meraviglie della Fornero: come ti licenzio i collaboratori. Il caso di Licja e gli altri - di Nonpercaso -

Una telefonata: una voce giovane e disperata, una richiesta di aiuto, una somma di frustrazioni, la riforma del mercato del lavoro della Fornero.

Ecco, potrei definire inutile il mio compito di fronte all'ineluttabilità saccente delle riforme dei tecnici, e potrei definire questa legge utile solo a licenziare le persone.

Una riforma che ha lastricato strade per l'inferno della disoccupazione, che ha frantumato le poche certezze di 

   

leggi di più 0 Commenti

Concorsone e precari una lotteria insensata

Il concorsone della scuola offre lo spunto per dire due o tre cose che mi stanno proprio qui. Parlerò dei precari.

Anzitutto vedere queste persone recarsi nei luoghi dove, da precari, 

   

leggi di più 0 Commenti